Un percorso di studi per valorizzare l’agricoltura della Tuscia

Per l’anno scolastico 2019-2020 l’istituto Francesco Orioli di Viterbo ha previsto l’apertura di un nuovo indirizzo, “Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale con valorizzazione del prodotto del territorio e gestione delle risorse forestali e montane. Profilo di agrotecnico”.

Si apre, finalmente, anche a Viterbo un percorso di studi che forma gli studenti al recupero, pur nella modernizzazione, della tradizionale arte della produzione, gestione e salvaguardia delle risorse naturali del territorio. Una possibilità che consentirà ai giovani diplomati nel settore di programmare opportunità progettuali lavorative all’avanguardia rispetto alla già presente ed avviata attività imprenditoriale agricola locale.

Le peculiarità del percorso indicato rispondono sia alle esigenze lavorative del territorio, quanto alle più avanzate richieste di modernità nella didattica. Il curricolo formativo dell’indirizzo prevede, infatti, una preparazione ampia e specifica nei processi produttivi del settore agricolo, garantendo risultati di apprendimento appropriati alla gestione di soluzioni tecniche di produzione e trasformazione delle risorse naturali in prodotti di qualità. Quanto detto, in linea con le normative nazionali e comunitarie, da realizzarsi nel rispetto della biodiversità e delle risorse naturalistiche e paesaggistiche, nel controllo della sicurezza, della tracciabilità e tipicità delle produzioni agro-alimentari  e forestali.

Competenze di settore consentiranno di descrivere, mappare e rilevare, con l’ausilio di sistemi informativi computerizzati, dati e caratteristiche ambientali e agro produttive di un territorio, predisponendo ipotesi di intervento per la custodia e il ripristino della biodiversità, per la conservazione e il potenziamento di parchi, di aree protette e ricreative, per la prevenzione del degrado ambientale e per la realizzazione di strutture a difesa delle zone a rischio, applicando tecnologie innovative. Alla conclusione del percorso di studi gli alunni saranno capaci di utilizzare sistemi di  analisi  di   efficienza   tecnico economica  aziendale,  interagendo  con  gli  enti   territoriali  e predisponendo piani di miglioramento fondiario.                                                                                                 

Si creerà, quindi, una figura professionale in grado di gestire attività di promozione e marketing dei prodotti agricoli, agroindustriali, silvo-pastorali, propedeutiche allo sviluppo rurale. Il diplomato nel profilo maturerà, infatti, competenze relative alla realizzazione, valorizzazione e commercializzazione di tali produzioni, intervenendo, inoltre, nella gestione dei sistemi di allevamento, acquacoltura e nei processi realizzativi delle filiere selvicolturali.

Gli insegnamenti saranno modulati, prevalentemente, su un tipo di didattica laboratoriale e sperimentale (laboratori di informatica, chimica, fisica, con rilevazione e procedure di esperimenti e disamina dei risultati con metodo scientifico e strategia euristica), arricchita da lezioni all’aperto, organizzate seguendo uno specifico piano di visite didattiche.

Le riserve, i parchi, le diverse tipologie di terreno e di colture, rappresenteranno le principali mete di itinerari di studio sul territorio che guideranno gli alunni nell’analisi e alla scoperta delle grandi potenzialità della natura dei luoghi di appartenenza. E specifica derivazione assumeranno anche i percorsi di alternanza scuola lavoro che potranno, attraverso stages, attività di formazione in azienda e project work, diventare luogo di sperimentazione attiva dei contenuti appresi durante il percorso didattico formativo.

Riconoscendo nel nuovo indirizzo qualità istruttiva e possibilità di sbocchi professionali lavorativi, si sottolinea come non occorra altro che guardarsi intorno e ammirare la ricchezza delle realtà naturali, paesaggistiche e colturali del nostro Paese per capire quanto questo percorso rappresenti una nuova certezza educativa ed in che misura rispecchi la nuova sfida verso la tutela del patrimonio naturale e la certificazione di qualità e di provenienza delle produzioni del mercato locale ed internazionale.

 Simonetta Pachella
Dirigente scolastico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...