MASTERCHEF ORIOLI: la didattica è servita!

Grazie alla professionalità e alla disponibilità della prof.ssaLetizia Muzio, referente del progetto, del prof.re Mirko Ottoni, responsabile dell’inclusione, dei docenti di sostegno e degli assistenti che collaborano all’iniziativa, anche quest’anno è ripartito il ‘Laboratorio cucina’, un progetto che vedrà coinvolti alunni e docenti in un percorso costruito sul fare, sul sentire e sull’operare cooperativo. A grandi prove saranno chiamati iragazzi ‘speciali’ dell’Istituto F. Orioli che si vedranno proiettati in un mondo che insegna e commuove, quello della commensalità, della condivisione e della preparazione di cibi. Gli alunni impareranno, nel corso di 24 lezioni – incontro, ad utilizzare le abilità necessarie per potenziare la manualità e dedicarsi all’utilizzo consapevole di spazi e materiali da cucina. E, come giovani interpreti di un percorso in formazione, diventerannoesperti e straordinari piccoli grandi chef, impegnati nel prepararepietanze e, attraverso queste, nell’acquisire competenze ed apprendimenti propedeutici alle azioni quotidiane.

Ideata in seno alla dirigenza Valente, l’iniziativa viene ancora oggi portata avanti con impegno e si riempie, per questo anno scolastico, di particolare significato perché Katia e Alfredo Valente, gestori dell’Albergo Ristorante Toscana, ad Acquapendente, hanno deciso di sovvenzionare parte del progettoin segno di continuità e in memoria del preside Luigi Valente.

Grande contributo viene, altresì, offerto dalla struttura ospitante, il ristorante Pizzeria “La Cava” di Viterbo, gestito dalla calorosa figura del titolare Giuliano Clementi che, con grande disponibilità,si occupa dell’organizzazione degli incontri e partecipa operosamente ed emotivamente alle attività dei ragazzi.

Il programma dell’iniziativa presenta quest’anno una golosa novità: quattro delle lezioni saranno dedicate al tema del gelato! Una preparazione che diverrà fattibile grazie all’aiuto dell’Azienda “Sarchioni” di Torre Alfina, che garantirà la realizzazione del prodotto e del suo confezionamento.                                                                                      

Le ricette, semplici nella sequenza dei passaggi, mirano a stimolare la curiosità, il gusto, l’olfatto e ad approfondire tematiche inerenti la sana e corretta alimentazione. Gli alunni saranno guidati nella gestione degli impegni ed appunteranno, su appositi quaderni, i principali apprendimenti raggiunti, coadiuvati dalla prof.ssa Raffaella Aniello che cura l’aspetto didattico delle attività. I ragazzi verranno divisi in due gruppi: il primo dedito all’apparecchiamento della tavola ed alla scrittura delle ricette ed il secondo operante in cucina. Gli stessi si scambieranno spazi e ruoli, durante le lezioni, per offrire a tutti gli alunni la possibilità di raggiungere le stesse competenze. Il progetto si concluderà con la preparazione di un evento, un pranzo, al quale parteciperanno famiglie, attività ed istituzioni coinvolte del territorio, docenti ed il dirigente scolastico dell’istituto, Simonetta Pachella, cheappoggia e riconosce la qualità e l’importanza educativa dell’intera iniziativa.

Il progetto costituisce, infatti, un importante elemento del viaggio dell’istituto Orioli dentro e verso l’inclusione, significando un momento fondamentale, di crescita e di formazione per degli alunni che, forse, non avrebbero mai pensato di diventare i nostri chef stellati! Si impegneranno e si divertiranno sicuramente, tra i fornelli e la mise en place, ma soprattutto, l’attività consentirà lorodi acquisire delle competenze di vita e di autonomia nell’uso di strumenti ed alimenti da cucina, ed in generale dell’ambiente domestico, che, sicuramente, garantiranno una quotidianità fatta diconsapevolezze, preparazioni e condivisione. Questo perché la finalità insita nell’atto di cucinare non risulta esclusivamente destinata all’alimentarsi, il preparare per gli altri, il sedersi ad una tavola comune, significa condividere e godere della compagnia reciproca. Tutto questo pone le basi per il raggiungimento di un equilibrio emotivo e relazionale fondamentale per gli alunni che vivono con difficoltà le fasi della crescita e le relazioni interpersonali. Legate alla tradizione locale, le ricette proposte ed i cibi realizzati ad ogni incontro lasciano tutti ammirati per la cura dei particolari e la professionalità dimostrata dai nostri cuochi, sicuramente promossi quali straordinari artisti dell’arte culinaria.

Asia Eutizi e Elena Bicocchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...